San Valentino… dalla leggenda ad oggi

La Festa di San Valentino ricorre annualmente il 14 febbraio, ed oggi è conosciuta e festeggiata in tutto il mondo.

Le sue origini risalgano al IV secolo, quando Papa Gelasio I nel 496 istituì che la giornata degli Innamorati venisse celebrata il 14 febbraio, per sostituire la festa pagana che veniva invece celebrata il 15 febbraio e dedicata al dio della fertilità Luperco: questi antichi riti pagani prevedevano festeggiamenti sfrenati ed erano apertamente in contrasto con la morale e l’idea di amore dei cristiani.

Una leggenda narra che il santo – San Valentino – avrebbe donato a una fanciulla povera una somma di denaro necessaria come dote per il suo sposalizio, che, senza di questa, non si sarebbe potuto celebrare, esponendo la ragazza, priva di sostanze e di altro sostegno, al rischio della perdizione. Il generoso dono – frutto di amore e finalizzato all’amore – avrebbe dunque creato la tradizione di considerare il santo vescovo Valentino come il protettore degli innamorati.

Con l’evolversi delle società, soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, il tratto più caratteristico della festa di san Valentino è lo scambio di valentine, bigliettini d’amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore romantico.

A partire dal XIX secolo, questa tradizione ha alimentato la produzione industriale e commercializzazione su vasta scala di biglietti d’auguri dedicati a questa ricorrenza.

Fu proprio la produzione su vasta scala di biglietti d’auguri a dare impulso alla commercializzazione della ricorrenza e nello stesso tempo ad entrare a far parte della cultura come conosciamo oggi.

Ma il giorno di San Valentino oltre a tutto questo è un pretesto in più per dichiarare il proprio amore alla persona con la quale dividiamo e condividiamo la vita

con un gesto in più e un pensiero in più o il giorno giusto per dichiarare il proprio amore, stato fino a quel momento silenzioso, magari in riva al mare.

 

E allora puoi venire a trovarci e soggiornare da noi con la tua metà,

e oltre a visitare e apprezzare la bellezza di Viareggio potrai goderti la colazione in camera.

Potrebbe interessarti:

Leave a Comment